Epifisiolisi dell'anca e invalidità civile

Molte malattie reumatiche sono state riconosciute invalidanti e il Servizio Sanitario Nazionale riconosce alcune agevolazioni.
Rispondi
peppesan85
Messaggi: 1
Iscritto il: 04/09/2019, 0:15

Epifisiolisi dell'anca e invalidità civile

Messaggio da peppesan85 » 04/09/2019, 16:16

Salve a tutti e grazie di avermi accolto nel forum.

Mi sono imbattuto sul vostro forum mentre facevo delle ricerche su internet e spero che ci sia qui qualcuno che possa aiutarmi conoscendo bene la legislazione riguardante l’invalidità civile .

Ho 34 anni e quando ne avevo 12 mi è stata diagnosticata una epifisiolisi all’anca sinistra trattata chirurgicamente. Non ho mai dato troppa importanza a questa mia condizione perché avevo una vita abbastanza soddisfacente, studiavo all'università e quindi la mia epifisiolisi non mi dava nessun tipo di preoccupazione.
Ad oggi la mia situazione è cambiata e il quadro si è un po’ complicato , e svolgendo la professione di pizzaiolo che mi porta a stare in piedi veramente tante ore al giorno le cose iniziano a pendere una piega differente perché ho sempre dolori un po’ dappertutto .

Cerco di spiegare un po’ il mio quadro:
Io ho avuto in età adolescenziale come dicevo sopra un’epifisiolisi dell’anca trattata chirurgicamente con i fili (che sono ancora in sede) , con conseguente rotazione del bacino , ho una scoliosi anche se non so indicare il grado e nel tempo si è sviluppata un’artrosi dell’anca , un cam osseo dovuto a calcificazioni che mi impediscono alcuni gradi di movimento dell’anca ,ho il piede piatto bilaterale e ultimamente ho continui dolori a caviglie e piedi in particolare sul piede sinistro doce si è formata una sorta di calcificazione e dolori alla zona lombare .

Ora nonostante tutto continuo a lavorare e tollerare abbastanza bene questa situazione ma il mio pensiero svegliandomi tutti i giorni con questi acciacchi va al futuro anche perché queste situazioni andranno necessariamente a peggiorare portandomi a nuovi interventi chirurgici.
La mia domanda è: questa situazione mi da diritto al riconoscimento di un’invalidità civile e magari all'inserimento nelle liste delle categorie protette nel caso in futuro avessi necessità di ricollocarmi nel mondo del lavoro ?

Spero di non essermi dilungato troppo e di aver scritto il post nella sezione corretta, grazie di cuore a chi potrà aiutarmi e mi dedicherà un po’ del suo tempo .

Avatar utente
lorichi
Amministratore
Messaggi: 11254
Iscritto il: 06/06/2009, 17:07
Località: ROMA

Re: Epifisiolisi dell'anca e invalidità civile

Messaggio da lorichi » 05/09/2019, 8:00

CIAO PEPPE, BENVENUTO NEL NOSTRO FORUM
PURTROPPO NON ABBIAMO UN ESPERTO SPECIFICO PER LE INVALIDITA' MA SOLTANTO LE NOSTRE ESPERIENZE PERSONALI DI MALATI REUMATICI.
HAI GIA' SENTITO IL TUO MEDICO? LUI DOVREBBE SAPERTI RISPONDERE. QUELLO CHE SO E' CHE OGGI LE CONCESSIONI DI INVALIDITA' SONO ABBASTANZA RISICATE PERO' CI DEVI PROVARE. MAGARI PUOI RIVOLGERTI AD UN PATRONATO O A QUALCHE ASSOCIAZIONE NELLA TUA CITTA'. PER ESEMPIO LE ASSOCIAZIONI PER MALATI REUMATICI SONO PRESENTI IN OGNI REGIONE. MI SPIACE NON POTERTI AIUTARE IN MODO PIU' CONCRETO.
Immagine

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
In ottemperanza alle Linee guida in tema di trattamento di dati personali per finalità di pubblicazione e diffusione nei siti web esclusivamente dedicati alla salute - 25 gennaio 2012
(Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2012)

AVVERTENZE DI RISCHIO:

• SI AVVERTONO gli utenti di valutare con la necessaria attenzione l'opportunità, nei propri interventi, di inserire, o meno, dati personali (compreso l'indirizzo e-mail), che possano rivelarne, anche indirettamente, l'identità (si pensi, ad esempio, al caso in cui in cui l'utente, nel testimoniare la propria esperienza o descrivere il proprio stato di salute, inserisca riferimenti a luoghi, persone, circostanze e contesti che consentano anche indirettamente di risalire alla sua identità);
• SI AVVERTONO gli utenti di valutare l'opportunità di pubblicare, o meno, foto o video che consentano di identificare o rendere identificabili persone e luoghi;
• SI AVVERTONO gli utente di prestare particolare attenzione alla possibilità di inserire, nei propri interventi (postati nei diversi spazi dedicati alla salute), dati che possano rivelare, anche indirettamente, l'identità di terzi, quali, ad esempio, altre persone accomunate all'autore del post dalla medesima patologia, esperienza umana o percorso medico;
• l'ambito di conoscibilità dei dati propri o altrui, immessi dall'utente nel proprio profilo personale, sono consultabili soltanto dagli iscritti al sito, tutto ciò che è scritto nei forums è invece consultabile da qualsiasi utente che acceda al sito stesso e tali dati pubblici sono reperibili mediante motore di ricerca interno
• i dati immessi dagli utenti nei forums sono indicizzabili e reperibili anche dai motori di ricerca generalisti (Google, Yahoo etc.);
• gli unici dati sensibili trattati sono gli indirizzi di posta elettronica indicati all'atto della propria iscrizione, gli amministratori del forum sono responsabili del loro trattamento viewtopic.php?f=103&t=291

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nonnalory
Una cosa alla volta un giorno dopo l'altro
Sono nata cieca. A volte sono triste, ma poi penso ai ragazzi meno fortunati di me, quelli che mi prendono in giro. A loro è andata peggio. Sono nati senza cuore.
Cecilia Camellini (Campionessa olimpica alle paralimpiadi 2012)
A noi la malattia ci fa un baffo!
http://anoilamalattiacifaunbaffo.blogspot.com/


Tutto inizia nel 1975 con lombosciatalgia bilaterale e curata come tale, senza alcun risultato, per 12 anni. Nel 1987 diagnosi di Sacroileite alla quale nel 2007 si è aggiunta una Pancolite (infiammazione cronica dell'intestino), da metà dicembre 2007 diagnosi di spondiloartrite (ogni tanto cambia il nome della malattia, quello definitivo pare essere enteroartrite) farmaci: balzide per l'intestino, azatioprina, e, al bisogno, cortisone e indometacina per l'artrite. Ad aprile 2010 intervento di artroprotesi 4° dito mano dx.
Da novembre 2014 problemi di calo linfociti con conseguente sospensione di azatioprina. Da meta' marzo 2015 iniziato metotrexate che pero' ho dovuto sospendere dopo due mesi per sopraggiunti effetti collaterali. Nel 2015 diagnosi di gastrite cronica sempre causata dai problemi autoimmuni. Da novembre 2016 ripreso azatioprina e si e' aggiunta la psoriasi. A conti fatti la diagnosi attuale sembra essere artrite psorisiaca con infiammazione intestinale e gastrite tutto riconducibile ad autoimmunita'


Amicizia è la capacità di dare senza chiedere nulla.E' la spalla su cui piangere, è una mano che stringe la tua e ti consola.E' anche la capacità di ascoltare i silenzi, grazie per aver ascoltato i miei

Rispondi

Torna a “INVALIDITA' ED ESENZIONI”